CULTURA

Carmine Doronzo Comunali 2013 Cultura

RECUPERO EDIFICI STORICI

A Barletta possediamo tesori di valore inestimabile. Il nostro patrimonio storico, artistico, architettonico e culturale merita rispetto, attenzione e cura perché una volta perso nessuno ce lo restituirà mai.

È per questo che intendiamo batterci per delle politiche culturali che considerino una priorità recuperare, valorizzare e promuovere monumenti, palazzi edifici storici e aree archeologiche. Bisogna ripartire dalla ricerca, dallo studio e dalla conservazione del patrimonio e, con questi presupposti, garantire una fruibilità dei beni culturali che sia partecipata e consapevole da parte dei cittadini. Bisogna recuperare la memoria storica degli eventi legati alla nostra città e dare loro la dignità che meritano, con l'aiuto della comunità scientifica internazionale e in concerto con le Università. Bisogna restituire spazi e strumenti per garantire a ogni cittadino di poter godere dei beni culturali con consapevolezza e orgoglio. Bisogna costruire reti che sappiano mettere in moto meccanismi virtuosi con cui abbattere i confini "inviolabili" tra beni di proprietà dello Stato e beni di proprietà della Diocesi, affinché Barletta possa ripartire da essi per riscoprire la propria storia.

BIBLIOTECA E SALE STUDIO

Il diritto di disporre di un luogo idoneo dove poter studiare rappresenta per i giovani studenti barlettani un bisogno sempre più importante.

La Biblioteca Comunale "Sabino Loffredo" non riesce più a soddisfare tutta la richiesta dell'utenza e il suo utilizzo come una sala studio rende necessaria l'individuazione di nuovi punti in città, dislocati in zone diverse, quali le scuole, presenti praticamente in ogni quartiere, nei quali dislocare nuove biblioteche di quartiere al servizio dei residenti.

La Biblioteca Comunale deve continuare a esercitare il suo ruolo egemonico, di centro del sapere cittadino, favorendo la consultazione e la fruibilità del cospicuo patrimonio librario e documentario in essa conservato. Qualcosa è già stato fatto nella Commissione Cultura, durante la precedente Amministrazione. È stato varato un nuovo regolamento e sono state sistemate nuove lampade e un nuovo arredo. Tuttavia va riorganizzato l'attuale orario di apertura del servizio, implementando il personale, in modo che la Biblioteca resti aperta tutti i pomeriggi e il sabato mattina, con orari più ampi.

MICROEVENTI

L'idea di rivalutazione e proficua gestione degli spazi si coniuga con la necessità di fornire nuovi substrati di sviluppo all'economia del turismo nonché al settore terziario in senso più ampio.
La città di Barletta va riconsiderata alla luce del suo patrimonio artistico e storico, che purtroppo non viene mai abbastanza valorizzato nelle iniziative culturali dell'amministrazione. È bene perseguire una politica di "macro eventi" che possano fare da richiamo durante l'anno in occasione delle grandi ricorrenze (Disfida, Riti della Settimana Santa, Festa Patronale, Battaglia di Canne), purché vengano affiancati da tutta una serie di microeventi, anche in collaborazione con le associazioni di artisti, di promozione sociale e culturale, in modo da stringere una vera alleanza tra le istituzioni comunali e il mondo associativo.
Questa rete di microeventi potrebbe attrarre turismo in modo continuativo e "destagionalizzato", cercando di coinvolgere tutte le aree urbane della città, periferie incluse.